Contro la violenza sulle donne la cultura si colora di rosso

Violenza donne

Violenza di genere, Como scende in campo con varie iniziative. Alcuni anni fa una fila di scarpe rosse di fronte al Tribunale cittadino (nella foto a destra) richiamò simbolicamente l’attenzione su una piaga contro la quale non si fa mai abbastanza, quella delle violenze e dei maltrattamenti nei confronti delle donne. Molti questa settimana gli appuntamenti in agenda “dalla parte di lei” sul Lario.
Ad esempio al Teatro San Teodoro di via Corbetta 7 a Cantù, domenica 24 alle 21 va in scena “Sono una donna non un errore”, letture di Manuela Limonta, cori di Lara Molteni, tastiera e cori di Antonio Accarino, alla chitarra Roberto Limonta. Un concerto raccontato per riflettere sulla condizione femminile contro ogni pregiudizio. Uno spettacolo toccante, intenso ma necessario per le donne e per gli uomini.
Appuntamenti anche al Teatro Sociale di piazza Verdi, a Como, che lunedì 25 si veste di rosso in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” istituita vent’anni fa: la facciata del teatro si illuminerà di rosso, e sui suoi gradini un corteo di scarpe rosse. Due piccoli gesti, concreti e simbolici, che faranno da corollario ai due eventi in programma alla sera. Alle 20.30 nella Sala Bianca andrà in scena Barbablù 2.0, una produzione tutta comasca di Teatro in Mostra di Laura Negretti, che torna a casa, a Como, dopo 100 repliche in tournée per il Nord Italia. È uno spettacolo di teatro civile che affronta con lo stile della prosa contemporanea una tematica sociale di forte attualità come la violenza sulle donne e in modo particolare la violenza domestica.
Durante la serata, in concomitanza con la pièce in scena, dalle ore 20 e per chi ha il biglietto dello spettacolo, sarà allestita in anteprima assoluta nelle Sale del Ridotto una mostra fotografica di Alle Bonicalzi, Indicibile. Il coraggio di rompere il silenzio.
Sempre il 25 novembre, allo Spazio Gloria di via Varesina 72 incontro con scuole e istituzioni sul tema della violenza di genere (ore 10-12) mentre dalle 12.30 alle 14 il Coordinamento donne della Cgil di Como terrà un presidio in piazza Vittoria a Como. In quell’occasione si coprirà con un telo rosso una panchina e si distribuirà materiale informativo.
Giovedì 28 novembre, alle ore 19 allo Spazio Parini di via Parini 6 a Como, Maurizio Pratelli cura l’evento “Strade rosse” dedicato alla donna, con il giallo “Motivi di famiglia” di Aldo Pagano con le indagini della protagonista Emma Bonsanti, le bottiglie “senza trucco” di Lidia Carbonetti e le luminose canzoni di Simona Colonna. Mani di donna che indagano, che vendemmiano, che suonano il violoncello. In programma anche un set acustico e una degustazione di vini Barbera e Dolcetto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.