Coronavirus, anche un comasco nella task force regionale

Governatrice Lam

La Lombardia predispone una squadra per riconoscere e affrontare eventuali casi di coronavirus. «La task force – spiega Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare – ha tre laboratori dove trasmettere i campioni da analizzare e diciassette reparti di malattie infettive di riferimento. Abbiamo emanato alcune indicazioni procedurali importanti per i medici di base e per gli specialisti ospedalieri, in costante raccordo con il ministero della Salute».
È fondamentale, continua la Regione, prestare attenzione ai tempi di riferimento dei viaggi e alle frequentazioni a rischio di contagio prendendo in considerazione gli ultimi 14 giorni dalla comparsa dei sintomi.
«I medici per i pazienti che rientrano nella definizione di caso sospetto – aggiunge l’assessore Gallera – devono segnalare il caso all’Ats di competenza e attraverso procedure informatiche specifiche, gestendo il paziente in stretto raccordo con i referenti delle malattie infettive».
I laboratori di riferimento regionali indicati per la ricezione dei campioni biologici – Università di Milano, San Matteo e Sacco – provvedono a raccordarsi con il laboratorio dell’Istituto Superiore di Sanità e a informare l’Unità operativa Prevenzione di Regione Lombardia e la struttura di ricovero.
La rete è composta da sedici referenti, tra cui il dottor Luigi Pusterla, direttore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo.
Intanto allarme rientrato all’ospedale Triemli di Zurigo. I due pazienti tornati da poco dalla Cina, ricoverati e messi in quarantena per sospetto coronavirus, sono risultati negativi ai test. Le analisi inviate al centro per le infezioni virali emergenti di Ginevra hanno scongiurato il pericolo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.