Covid nel Comasco: calano i ricoverati negli ospedali. L’incremento settimanale dei positivi è del 2,4%

La provincia di Como, al momento, rimane in una situazione di “controllo” per quanto riguarda la diffusione della pandemia. I numeri ancora non parlano di incrementi preoccupanti, oppure di “terza ondata”, anche se la situazione è costantemente monitorata. Oggi gli ospedali hanno fatto registrare 181 persone ricoverate (in calo di 3 unità rispetto al giorno prima) comprese persone in attesa al pronto soccorso. Sono 143 i degenti al Sant’Anna (di cui 9 in Rianimazione), 10 a Cantù, 21 a Mariano.

Sul fronte dei numeri, la provincia di Como oggi ha fatto registrare 142 nuovi contagi accertati al Covid-19, che fanno segnare – nei calcoli sui sette giorni – un lieve incremento. Lo stesso discorso vale per i positivi sui 100 mila abitanti, sempre calcolati sui sette giorni. A Como la media è di 152, più alta di quella regionale (137) e con un segno di +2,4% rispetto allo stesso periodo precedente. Un incremento ancora limitato, anche se confrontato con quanto sta avvenendo in Lombardia dove l’aumento nell’ultima settimana è stato del +7,8%, con realtà come Brescia che addirittura hanno fatto segnare un +14,8%.

C’è poi il discorso legato alle telefonate al 118 per problemi respiratori nella nostra area di competenza che comprende anche Varese e Lecco. Rispetto ai giorni precedenti anche in questo settore c’è stato un lieve aumento, tuttavia ancora contenuto. L’ultimo dato disponibile, riferito al 17 febbraio, parla di 75 telefonale al 118, mentre erano state 61 il 16 febbraio e 72 il 15 febbraio, tutte insomma ancora al di sotto delle 80 richieste di soccorso giornaliere. In chiusura il conto drammatico dei decessi: oggi sono state 3 le vittime per il Covid-19, per un totale di 1722 croci solo in provincia di Como. A livello di Regione Lombardia i nuovi positivi sono stati 2.540 con 42.508 tamponi realizzati. La media di positività rimane controllata, quantificata nel 5,9%.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.