Covid nel Comasco: timidi segnali di miglioramento, calano le telefonate al 118

Ospedale Sant’Anna di Como, pronto soccorso coronavirus

Situazione difficile da interpretare, in provincia di Como, sul fronte Covid. La nostra provincia è ad oggi una delle più colpite della Lombardia, in base all’andamento calcolato sui sette giorni. Primato condiviso con Mantova e Sondrio. Eppure, guardando le curve, la situazione sembra al momento in lieve miglioramento. Solo i prossimi giorni, insomma, potranno dirci qualcosa su quello che sta avvenendo.

Partiamo dai numeri del Comasco: l’incremento dei positivi sui sette giorni (calcolati rispetto ai sette giorni precedenti) è di +220 ogni 100 mila abitanti, con un tasso di crescita di +11,6%. La media della Lombardia, tanto per dare un’idea, è di +151 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti con un incremento del +7,7%. La situazione nel Comasco, dunque, è decisamente peggiore a quella del resto della regione fatta eccezione, come detto, per Mantova e Sondrio. E questo indipendentemente dal dato di oggi, calcolato sul giorno singolo, che ha fatto registrare 198 nuovi contagi. Numero che, come più volte sottolineato in questi mesi, preso da solo non vuol dire nulla.

Eppure, nonostante un quadro complicato, le curve di crescita del contagio in questi ultimi giorni si stanno riducendo, elemento questo che potrebbe infondere un po’ di ottimismo se dovesse essere confermato anche nelle prossime ore. Sono invece in lieve aumento i ricoverati negli ospedali dell’Asst Lariana (+9 oggi, 237 in totale) divisi tra Sant’Anna (171), Cantù (32), Mariano (18) e via Napoleona (9). In attesa al pronto soccorso c’erano 6 pazienti al Sant’Anna e uno solo a Cantù, con la pressione che è andata allentandosi. Numeri anche questi che non indicano un andamento univoco.

Scendono invece, da qualche giorno, le chiamate al 118 per problemi respiratori, e questo è un segnale certamente positivo: il 14 gennaio sono state 67 le telefonate, il 13 gennaio 76, 71 il 12 gennaio mentre erano state 81 l’11 di gennaio. Quello che cresce è invece il conto dei morti: 6 le vittime di oggi, per un totale di decessi in provincia che ha toccato il numero spaventoso di 1.542.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.