Cucina sul Lario, dopo Borghese e Cannavacciuolo la sfida tra i pasticceri di “Best Bakery 2”

Best Bakery Como

Dopo “4 Ristoranti” con Alessandro Borghese e “Cucine da incubo” con Antonino Cannavacciuolo, un altro popolare programma dedicato alla cucina ha fatto tappa nel territorio lariano. La prima puntata di “Best Bakery 2” ha avuto infatti come teatro il comasco. Obiettivo dei giudici Alessandro Servida e Andreas Acherer trovare la migliore pasticceria d’Italia. La prima puntata ha visto il confronto tra La vecchia Como, in città, Franzi di Olgiate Comasco e Sartori a Erba.

La vecchia Como hanno assaggiato “La cubana” e “La delizia mediterranea”. Da Franzi hanno provato un tortino da forno profumato con il thè cinese Lapsang Souchong e una monoporzione farcita con composta di albicocche e fave di cacao tostate. Da Sartori hanno degustato il “Blue flower”, e “La pistacchiosa”, composta da un cremoso di pistacchio e da una coulis di lampone all’oro.

Si è poi passati all’assaggio delle specialità di ciascuno, preparate al momento. Infine è stato il momento della sfida, durante la quale i pasticceri hanno dovuto preparare dei dolci partendo da un ingrediente dato dai giudici: il peperone rosso.

Il miglior punteggio nella classifica è stato di Franzi, che ha chiuso a 41 punti; Sartori si è posizionata seconda con 40 punti e La vecchia Como terza con 36 punti. Franzi ha dunque vinto la puntata, ma non il premio come migliore pasticceria del territorio lariano: nella seconda puntata ha infatti conquistato più punti la pasticceria Passoni di Barzio (che ha avuto la meglio su un altro esercizio di Como, I Bravi di Appiano Gentile).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.