Dagli album spunta il “Borgo” degli esordi

borgonovo squadra Le foto conservate da Simone Braglia
Scatti in bianco e nero con l’attaccante a inizio carriera

Avevano due anni di differenza, ma in pratica hanno sempre giocato sempre assieme nelle giovanili del Calcio Como perché Stefano Borgonovo (classe 1964) era davvero bravo. Simone Braglia (classe 1962), ricorda con affetto quello che era prima di tutto un amico.
L’ex portiere azzurro ha voluto portare al “Corriere di Como” due immagini che risalgono alla metà degli anni ’70, quando lui e Borgonovo erano nei Giovanissimi del Como. Una è una cena a Monteolimpino al Ristorante Frate, l’altra

è la squadra azzurra che vinse un torneo a Mariano Comense.
«Noi del Como eravamo 14enni avevamo già due anni in meno rispetto ai nostri avversari, che in media ne avevano 16 – ricorda Braglia – Borgonovo addirittura era 12enne, e ovviamente era già bravo». Sicuramente una grande squadra, visto che, oltre a Braglia e Borgonovo i tifosi più attenti avranno riconosciuto altri prodotti del vivaio poi diventati professionisti come Roberto Galia, Giuseppe Butti, Luca Fusi, Giovanni Invernizzi. Nella foto con la formazione di Mariano c’è anche lo storico talent scout Mino Favini. L’allenatore era Paolo Ostinelli.
Simone Braglia e Stefano Borgonovo hanno condiviso tante situazioni e soprattutto una bella amicizia, quella che c’era tra i loro padri, che si erano conosciuti sugli spalti quando seguivano le partite dei figli.
«Tra i ricordi che ho di Stefano – aggiunge Braglia – anche quello delle sue lacrime, ormai già bloccato dalla Sla, quando chiese notizie su mio padre e gli dovetti dire che non c’era più».
Curioso che nel primo confronto da professionisti, il “Borgo” abbia segnato all’amico: «Era un Como-Sambenedettese di Coppa Italia – spiega Braglia – e io ero in prestito alla squadra marchigiana».

 M.Mos.

alt

borgonovo ristorante

  

Nelle foto:
Sopra: Il Como che vinse un torneo a Mariano, con calciatori che poi avrebbero avuto una buona carriera professionistica: Luca Fusi, Roberto Galia, Giovanni Invernizzi, Stefano Borgonovo, Simone Braglia, Giuseppe Butti. Con loro il talent scout Mino Favini.
Sotto: tutti assieme al ristorante

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.