Dalla Comense a Schio. La scalata inarrestabile di Laura Spreafico

alt

Basket donne La 22enne di Asso ingaggiata dalla più forte squadra del nostro Paese  «È incredibile: giocherò l’Eurolega con la squadra campione d’Italia». Emozione, adrenalina e un pizzico di stupore sprizzano dalle parole ma anche dagli occhi di Laura Spreafico.
La giovane cestista di Asso, cresciuta alla scuola del Pool Comense, nella prossima stagione di A1 giocherà infatti con la maglia scudettata della Famila Schio. Stupore di chi non se lo aspettava, ma sotto sotto ci sperava dopo l’ultima annata vissuta da protagonista nella formazione di Le Mura Lucca e chiusa

con il secondo posto sia in Coppa Italia che in campionato proprio alle spalle della Famila, la sua futura squadra.
Schio, che già da un anno detiene il cartellino di “Sprea” e che proprio in Toscana l’aveva girata in prestito, ora però ha deciso di riportarla a casa e di inserirla nella formazione della prossima stagione. «Non posso che essere contenta anzi felice della prospettiva di giocare in un club così importante che punta ad obiettivi altissimi sia in Italia che in Europa» spiega ancora Laura, classe 1991. Una soddisfazione anche per chi, gli anni scorsi, ha investito nel vivaio della Comense, la società che proprio un anno fa scelse, per ragioni economiche, di non iscriversi alla serie A 2012- 2013. Almeno rimane la consolazione di vedere ragazze cresciute in via dei Partigiani che si stanno ritagliando un ruolo importante.
«Confesso che ho un pizzico di timore – ammette ancora la giocatrice comasca – del resto quando si inizia una nuova avventura e di così alto livello non può essere altrimenti. Spero di essere all’altezza di un roster così prestigioso e ambizioso. So che mi aspetta un lavoro duro, ma questo non mi spaventa: sono abituata già dai tempi della Comense a lavorare sodo giorno dopo giorno e poi avrò la possibilità di crescere e migliorarmi al fianco di compagne super».
Già, perchè a Schio Spreafico ritrova molte colleghe e amiche della nazionale come Sottana, Ress e due ex campionesse nerostellate che conosce molto bene, come Laura Macchi e soprattutto Raffaella Masciadri, che non è una giocatrice qualsiasi per la 20enne di Asso.
«Lo sanno tutti che “Mascia” è sempre stata il mio idolo fin da giovanissima quando andavo al Palasampietro a tifare per lei – spiega il nuovo acquisto di schio – Poi ho imparato a conoscerla e apprezzarla prima da avversaria e successivamente in Nazionale. Ora avrò la fortuna di lavorare con lei ogni giorno anche nel club e sono sicura che mi permetterà di migliorarmi ancora di più. È un sogno che si realizza, ma al tempo stesso lo voglio considerare un punto di partenza».
Laura sulle orme di Raffaella: come lei ha compiuto lo stesso percorso da Como a Schio passando dall’azzurro della Nazionale. L’atleta di Asso, infatti, è stata una presenza fissa nelle rappresentative giovanili poi è entrata nel giro della squadra maggiore, con cui ha disputato le qualificazioni agli Europei 2013. L’esordio è stato nel maggio 2012, in Italia-Olanda 56-52.
«Io però ho ancora tanta strada da fare – ammette la comasca – Il tempo gioca a mio favore e sono pronta a lavorare duro. Ho già sentito molte mie nuove compagne e mi hanno detto di stare serena perché anche per loro ricomincia una nuova avventura con un gruppo rinnovato e un allenatore nuovo, lo spagnolo Miguel Mendez». Laura si è già informata sul nuovo coach: «Un’amica che lo ha avuto a Madrid mi ha detto che è molto bravo a lavorare con le giovani. Bene, il mio obiettivo è riuscire a ritagliarmi un po’ di spazio in un roster così importante».
Anche perchè gli obiettivi della formazione veneta saranno tanti: dalla Supercoppa Italiana all’Eurolega passando dalla Coppa Italia e dal campionato tricolore, dove peraltro si registra una nuova importante rinuncia, quella di Taranto, altra formazione blasonata che ha dato forfait per ragioni economiche.
«Schio non punta mai ad arrivare seconda – conclude Laura Spreafico – È un po’ strano che la prima partita da “orange” sarà la Supercoppa, che giocherò proprio contro Lucca la mia ex squadra». E sulla panchina dei toscani siederà anche il suo fidanzato: «Sì, sarà un po’ strano – ammette le cestista comasca – E poi non vedo l’ora di respirare l’atmosfera di Eurolega e confrontarmi con le giocatrici più importanti del continente. Emozioni e stimoli non mi mancano: ora non resta che lavorare duro. Ma non ho paura del resto, ripeto, sono abituata fin dai tempi della Comense».

Andrea Piccinelli

Nella foto:
In Comense
Laura Spreafico, in azione con la casacca della Nazionale (sopra) e della formazione nerostellata. Dopo il forfait del team lariano, un anno fa, la giocatrice si è accasata a Lucca. Con la società cittadina aveva vinto lo scudetto Under 16 nel 2007. In basso un’altra grande ex con la Comense, Raffaella Masciadri

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.