Dario Monguzzi, 17° anno alla Libertas Cantù

Dario Monguzzi Libertas

Diciassette. Un numero che in molti non amano. Ma per Dario Monguzzi e la Libertas Cantù avrà invece grande valore. Il capitano della squadra canturina di pallavolo ha infatti prolungato l’accordo con la formazione brianzola e anche il prossimo anno, il 17° appunto, vestirà i colori neroverdi in serie A2 maschile. Con la Libertas, Monguzzi ha vissuto due promozioni dalla serie B, una finale, una semifinale e due quarti dei playoff e ha partecipato due volte alla Coppa Italia di categoria.
«Sono felicissimo che Dario abbia accettato di far parte di nuovo della nostra famiglia – afferma il presidente Ambrogio Molteni – Penso che il suo apporto sarà per noi ancora molto importante per raggiungere, con la nuova squadra, gli obiettivi che ci siamo prefissi nella prossima stagione. Monguzzi ci ha guidato in tante battaglie, vinte e perse, e ha sempre dato esempio di serietà e dedizione».
«La presenza di Dario mi dà molta tranquillità – dice l’allenatore Matteo Battocchio – perché è una persona seria e un vincente, un giocatore che non si risparmia mai e che vuole il massimo da sé e dagli altri e mette in campo qualità, correttezza e carisma».
Non nasconde la sua soddisfazione, per il prolungamento del contratto, lo stesso Dario Monguzzi, monzese, classe 1984. «Sarà il mio 17° anno a Cantù, il decimo in A2 – sostiene il giocatore – Il campionato appena concluso non è stato facile: a partire dallo stop per Covid ad arrivare al cambio di palleggiatore, con tutto quello che ha comportato, passando per i chilometri macinati per raggiungere le varie sedi di allenamento. Ma tutto sommato sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto. Alla fine siamo usciti solo ai quarti di finale per mano della Prisma Taranto, che poi è stata promossa in Superlega. E se avessimo portato la serie a gara-3 non sarebbe stato uno scandalo».
«La prossima stagione? Sono molto fiducioso: dal mercato che la Libertas sta facendo, si vede l’obiettivo di dimostrare ancora di più il suo valore – conclude – Sono contento degli acquisti fatti, dal palleggiatore agli schiacciatori ai centrali. Se il livello dell’allenamento quotidiano sarà alto, anche la domenica potremo esprimere un gioco all’altezza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.