Dipendente licenziata, mozione contro l’assessore Negretti
Cronaca, Politica

Dipendente licenziata, mozione contro l’assessore Negretti

Mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore Elena Negretti. La firma, sotto al documento protocollato in Comune, è quella dei consiglieri della Lista Rapinese Sindaco: lo stesso Alessandro Rapinese, Fulvio Anzaldo e Ada Mantovani. A finire nel mirino dei tre consiglieri comunali il caso della dipendente comunale licenziata dall’amministrazione lo scorso 26 gennaio con l’accusa di aver omesso la timbratura del cartellino.

Accusa caduta dopo la recentissima decisione del Tribunale di Como che ha ordinato il reintegro immediato della dipendente arrivando anche a mettere in dubbio la buona fede dell’amministrazione.

«La ricostruzione storica degli eventi compiuti dal Tribunale di Como – si legge nella mozione – contrasta inequivocabilmente con gli intenti dichiarati a inizio mandato dall’assessore Negretti e in ogni modo, l’episodio in questione dimostra l’inidoneità di quest’ultima a ricoprire l’incarico».

Tra gli altri capi d’accusa contenuti nella mozione dei consiglieri anche la mancata costituzione della Commissione comunale per le Pari opportunità, delega in capo all’assessore Negretti, e il mancato aggiornamento della pagina del sito del Comune alla voce dedicata all’argomento. Poi l’ultimo attacco. «Nonostante l’assessore detenga anche la delega alla Sicurezza e alla Polizia locale, venditori e parcheggiatori abusivi esercitano indisturbati la loro attività», si legge nel documento.

E infine i tre contestano il fatto che durante la discussione per istituire una Commissione Sicurezza speciale, l’assessore «si sia presentata soltanto al termine della seduta», bocciando «la proposta di deliberazione senza confrontarsi con i commissari presenti che avevano espresso all’unanimità parere favorevole all’istituzione della Commissione».

A rispondere alla mozione di sfiducia è la diretta interessata. «Prendo atto di quanto accaduto ma vorrei capire il perché di questo accanimento nei miei confronti – spiega l’assessore Elena Negretti – Sul caso della dipendente posso dire che una volta che arriva sul tavolo dell’Ufficio competente per i procedimenti disciplinari nei confronti del personale non riguarda più il mio assessorato». Poi conclude: «Rapinese farebbe qualsiasi cosa pur di tenersi la poltrona. Chi lavora invece dà fastidio».

1 Dicembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto