Disabile fatto cadere mentre scende dall’autobus. Finisce al pronto soccorso, interviene la polizia

Bus pullman

Spintonato, urtato mentre spingeva il deambulatore, colpito allo stomaco e alla nuca, fatto cadere rovinosamente a terra, con una parte del corpo incastrata nella porta dell’autobus da cui stava cercando di scendere. È il racconto fatto da un invalido con difficoltà motorie, e riferito da un comunicato di Acus (l’Associazione civica utenti della strada) a firma dell’avvocato Mario Lavatelli.
Il fatto sarebbe avvenuto l’11 novembre scorso su un autobus della linea 7 diretto in centro a Como e poi a Sagnino. «Giunto alla fermata di piazza Vittoria – riferisce Acus – mentre si accingeva a scendere, si è trovato di fronte ad alcuni studenti (quattro ragazze e un ragazzo) che intendevano salire passando dalla porta centrale riservata alla discesa».
Le ragazze a questo punto si sarebbero spostate correttamente, mentre il giovane avrebbe insistito nel salire da dove non poteva, urtando il deambulatore, colpendo il disabile e facendolo rovinare a terra. Alcuni passanti a questo punto sarebbero accorsi a soccorrere la vittima, poi fatta sedere dall’autista sul posto per i disabili. Il bus è quindi ripartito.
Al capolinea di Sagnino, l’uomo, che nel frattempo aveva chiamato le forze dell’ordine, trova una pattuglia della polizia e racconta l’accaduto. Sul posto sarebbe giunta infine un’ambulanza, che avrebbe trasportato il contuso fino al pronto soccorso del Sant’Anna da cui sarebbe stato dimesso con una prognosi di 10 giorni.
«Al di là del trauma, evidentemente non solo fisico – ha commentato in chiusura l’avvocato Lavatelli – dobbiamo rilevare che mentre le persone con disabilità più o meno accentuate cercano di rivendicare il raggiungimento della massima autonomia possibile e dell’inclusione sociale, tali sforzi possono essere resi vani da un ambiente, una comunità, una società con pregiudizi, scarse conoscenze e barriere culturali». «Tra le barriere da abbattere – è la chiosa – ci sono, ancora prima delle architettoniche, quelle attitudinali e ambientali che possono impedire la piena partecipazione alla vita sociale».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.