Domenica a rischio per lo sciopero Trenord: la Prefettura ammette le criticità

Traffico e Balocchi 2019, autosilo Auguadri via Cesare Battisti

Innanzitutto un numero. Sono 60mila i biglietti che Trenord ha staccato negli ultimi tre weekend per passeggeri diretti a Como. Si tratta in alcuni casi anche di biglietti cumulativi, che permettono di viaggiare gratis agli under 14 accompagnati da un adulto. Una media di oltre 10mila persone al giorno sono arrivate in treno nel capoluogo per gli eventi natalizi. Domenica, questi 10mila si dovranno probabilmente mettere in macchina per arrivare a Como, a causa dello sciopero proclamato dal sindacato Orsa.
Una situazione critica, come ha ammesso ieri anche la Prefettura. «I disagi sono prevedibili e saranno quasi inevitabili, possiamo solo agire di difesa, potenziando le informazioni e la vigilanza», spiegano da via Volta.
L’agitazione mette a rischio potenzialmente la gran parte dei convogli, senza alcuna fascia di garanzia, compresi anche i treni istituiti proprio per gli eventi natalizi della città di Como. Il prefetto di Como Ignazio Coccia ha presieduto ieri una riunione alla quale hanno partecipato anche i rappresentanti di Trenord, del Comune di Como e delle forze dell’ordine.
«I disagi sono purtroppo ampiamente prevedibili – fanno sapere dalla prefettura – È difficile prevedere il numero di convogli che sarà cancellato e non sono previste fasce di garanzia né minimi obbligatori. Abbiamo deciso di agire sull’informazione, che sarà il più possibile tempestiva e precisa e sul potenziamento della sorveglianza delle forze dell’ordine, compresa la polizia ferroviaria». Lo sciopero, proclamato una prima volta e poi annullato, è stato proclamato una seconda volta da Orsa, sempre per la giornata di domenica 15.
«L’agitazione – attacca Trenord – è stata nuovamente proclamata, con obiettivi conflittuali verso l’azienda allo scopo di causare significativi disagi alla mobilità in occasione dei grandi eventi del periodo natalizio. La scelta di Orsa è di totale indifferenza verso il diritto alla mobilità dei cittadini che rischia di generare disagi significativi anche sulla viabilità stradale».
Lo sciopero inizierà alle ore 3 di domenica 15 dicembre e terminerà alle ore 2 di lunedì 16 dicembre.
Domenica, infine, è prevista anche la partita Como-Albinoleffe, evento che comporta la consueta ordinanza nell’area dello stadio Sinigaglia, con la riduzione di numerosi parcheggi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.