Domenica evento nell’atelier Tremonti

altCon un happening aprirà al pubblico lo spazio “Angiolario”
(l.m.) «Un magazzino-cortile, un porto di mare dove arriva chi vuole per farsi ascoltare. E centro di sviluppo». È Angiolario, la nuova iniziativa dell’artista lariana Angiola Tremonti, sorella dell’ex ministro delle Finanze dei governi Berlusconi. Uno spazio d’arte (nato dove l’artista ha per anni tenuto il deposito del suo atelier) che aprirà i battenti al pubblico domenica prossima. «Da noi no sindacati e no politica», precisa l’interessata, che ha anche dato addio alla attività politica nella sua Cantù, attraverso la sua pagina Facebook. Ma allora cosa sarà l’Angiolario? «Non è un museo, è una officina in cui insieme si cerca di risolvere qualcosa. È una nuova idea per dare speranza anche a chi, come me, Angiola, e tanti altri artisti, si è visto morire dentro il proprio lavoro. Noi artisti siamo in balia del vento, del pensiero, delle tenebre. Non abbiamo cassa integrazione. E l’arte è lavoro, spesso anche duro. Il mercato è fermo da mesi. Da anni è in mano dei soliti pochi che preferiscono far realizzare le sculture in Turchia, inventare gli artisti copiando, vendendo fotografie su tela invece di dipinti».

Uno spazio dove «provare a ripartire», ecco allora cosa sarà l’Angiolario: «Metterò a disposizione un luogo di incontro – spiega ancora Angiola Tremonti – dove ci saranno le mie opere di pittura e scultura, e tanti ospiti, anche a sorpresa». L’appuntamento per l’evento di apertura da segnare in agenda è domenica 30 novembre dalle 16 alle 20 in via Spluga 16 a Cantù, zona cimitero. L’artista non pone limiti ai temi che si potranno discutere e ospitare: arte, scienza, viaggi, salute, design, musica, marketing. All’inaugurazione ci sarà il filosofo comasco Fabio Gabrielli, preside della facoltà di Scienze Umane e tecnologiche L.U.de.S. di Lugano, e a seguire tra gli altri ospiti il mimo Ermanno Stea e i musicisti Roberto Durkovic e Dilush. Info al numero 338.18.70.881 e via mail a mabilla@angiolatremonti.com.

Nella foto:
la scultrice e pittrice canturina Angiola Tremonti con una statua donata nel 2012 all’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia (foto Fkd). 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.