Donna di 44 anni salvata da due agenti e da un passante

Passeggiata Villa Olmo

Una donna di 44 anni, siciliana, in vacanza con la sorella e le nipoti sul Lago di Como è stata salvata dagli agenti della polizia locale cittadina, intervenuti mentre la turista, in un tragico gesto estremo, si stava buttando nella zona della passeggiata di Villa Olmo.
La donna, secondo quanto accertato dai vigili, aveva avuto una discussione con la sorella su un autobus di Asf diretto a Cernobbio.
La sorella si era sentita male, ed era stata soccorsa da un’ambulanza e portata al Valduce. La 44enne, con le nipoti voleva raggiungere l’ospedale a piedi ma all’improvviso, in via Cantoni si è allontanata dalle ragazze e voleva buttarsi nel lago. Le giovani hanno subito chiesto aiuto. Sono intervenuti gli agenti della polizia locale che l’hanno afferrata per le braccia mentre già aveva le gambe in acqua e poi, con l’aiuto anche di un passante 19enne, l’hanno sollevata e riportata sulla passeggiata, per poi affidarla alle cure del 118.
«Vorrei ringraziare e congratularmi con i due agenti della polizia locale e con il cittadino che hanno scongiurato un tragico gesto – ha commentato l’assessore alla Sicurezza di Palazzo Cernezzi, Elena Negretti – Un intervento difficile, nato come pare da una situazione familiare contrapposta, degenerata in modo improvviso».
La donna era stata poi portata all’ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù da un’ambulanza della Croce rossa per una serie di accertamenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.