Donne e depressione, l’importanza del lavoro in rete

Da sinistra: Alessandra Longeri, Anna Berna, Giuseppe Enrico Rivolta, Monica Giordano, Carlo Fraticelli, Christina Rita Manoussakis, Camilla Callegari, Carla Longhi, Maria Laura Tanda e Marco Piccinelli.

Oggi si è svolta all’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia la presentazione del progetto “Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna” con un focus su “Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete” nell’ambito di un corso di formazione gratuito aperto a tutte le professioni sanitarie. L’aggiornamento è stato organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze di Asst Lariana e nasce all’interno dell’iniziativa di Onda che vede l’Osservatorio capofila con sei Asst lombarde come partner, tutte affiliate al network Bollini Rosa. Oltre ad Asst Lariana hanno partecipato le Asst Fatebenefratelli – Sacco, Lecco, Lodi, Papa Giovanni XXIII e Rhodense. Il progetto è dedicato alla correlazione della depressione a patologie croniche. Sono sempre più numerose le evidenze scientifiche che documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.