Dote scuola, mancano i finanziamenti

Scuola media

Circa 50mila famiglie lombarde sono rimaste escluse dalla Dote Scuola 2021-2022. Durante il Consiglio Regionale di ieri, l’assessore Sala ha spiegato che la riduzione delle risorse è imputabile all’incremento delle domande: «Alle 46mila domande in più pervenute – ha detto l’assessore – è corrisposta la contestuale riduzione delle risorse statali. Lo scorso anno, che aveva già registrato un incremento delle domande, anche se non paragonabile a quello attuale, abbiamo fatto fronte alle richieste con uno stanziamento straordinario di Regione Lombardia» .
Ma quest’anno la Giunta lombarda ha scelto di non provvedere a integrare le somme già stanziate e non ha indicato tempistiche certe per fronteggiare le crescenti difficoltà delle famiglie.
«Sono 1.841 le famiglie nella provincia di Como che non hanno ricevuto i finanziamenti del bando Dote scuola e del materiale didattico per l’acquisto di libri di testo e dotazioni tecnologiche, nonostante siano state ammesse alla misura – ha protestato il consigliere regionale del Pd Angelo Orsenigo- Parliamo del 36% dei richiedenti. In altre province sono quasi il 50% e in tutta la Lombardia il totale ammonta a 45.980 studenti lasciati senza sostegno. Non è accettabile. Regione intervenga subito stanziando ulteriori e sufficienti risorse».
«Sicuramente la crisi seguita alla pandemia ha spinto molte più famiglie a partecipare alla Dote, rispetto agli anni scorsi, e non è comprensibile, né ha aiutato, la scelta di aver tenuto aperto il bando per un periodo di tempo più limitato del solito – prosegue Orsenigo – Sono tante le persone che hanno bisogno di questo sostegno e che ci hanno segnalato la difficoltà di accedervi. E noi abbiamo sempre chiesto in sede di bilancio di incrementare le risorse a carico della Regione , in gioco c’è il futuro dei giovani», conclude il consigliere comasco.
Alla protesta si è unito anche Raffaele Erba, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle: «Regione Lombardia come al solito si è dimenticata sia delle famiglie che degli studenti. Sulla Dote Scuola, anche dopo l’interrogazione del collega consigliere Marco Degli Angeli la situazione non è cambiata. La platea degli esclusi – circa 50mila famiglie – si troverà senza il minimo supporto per acquistare i libri di testo pur avendo tutti i requisiti Isee necessari per usufruire del sostegno».
Raffaele Erba ha aggiunto anche una critica alla pianificazione dei trasporti: «Restano marginali le misure adottate da Regione Lombardia per la ripresa dell’anno scolastico. Non sono previsti cambi di rotta sul rafforzamento delle corse di Trenord».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.