Dramma al Bassone: muore soffocato mentre mangia

Il carcere del Bassone

Stava mangiando in compagnia di un altro detenuto nella cella del carcere del Bassone vicina all’infermeria della casa circondariale di Albate.
All’improvviso un boccone gli ha ostruito la respirazione.
A nulla è servita la richiesta di aiuto del suo compagno di detenzione, un maghrebino, e l’intervento degli uomini della penitenziaria. L’uomo è morto soffocato.
La tragedia, avvenuta nei giorni scorsi, ha colpito un cittadino francese di 32 anni originario della città di Lione.
L’uomo era stato da poco arrestato in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice delle indagini preliminari di Varese su richiesta della Procura.
Il reato che gli veniva contestato era la rapina.
Il 32enne francese era stato denunciato anche in Liguria (a piede libero) per il possesso di oggetti atti a offendere.
La segnalazione dell’accaduto è stata girata al magistrato di turno in Procura a Como, che ha disposto l’autopsia sul corpo del detenuto. Il medico legale ha confermato il decesso per asfissia in seguito al bolo alimentare che ha ostruito le vie respiratorie. Complicate anche le fasi successive alla tragedia, dato che si è resa necessaria l’individuazione di un parente cui restituire il corpo. Un lavoro non semplice visto che in seguito si è appurato che il nome con cui il ragazzo era stato arrestato, e che lo stesso 32enne aveva fornito agli inquirenti, non era il suo ma quello del fratello che al contrario era vivo in Francia. E proprio a quest’ultimo è poi stato restituito il corpo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.