Droga nascosta nei giochi in scatola: l’agente di commercio respinge le accuse

Carabinieri comando provinciale (via Frigerio, Piazzale Amedeo duca d’Aosta, Como)

«Conoscevo quell’uomo da poco. Mi ha chiesto un favore e sono andato io a ritirare quei pacchi». Sarebbero queste, parola più parola meno, le risposte date oggi dal 57enne agente di commercio di Como, arrestato dai carabinieri dopo essere stato sorpreso con oltre un chilo e 100 grammi di sostanza stupefacente, marijuana per la precisione. La droga era contenuta in due giochi in scatola, ancora sigillati, che un corriere aveva consegnato in una edicola della periferia di Como. Sopra ai due pacchi, c’era un biglietto con un nome inesistente. L’uomo si sarebbe presentato a ritirarli proprio con questo nome. I carabinieri l’avrebbero poi fermato per verificare il contenuto delle due scatole di giochi da tavolo. All’interno sarebbero quindi spuntati fuori i due involucri contenenti complessivamente oltre un chilo e cento grammi di sostanza stupefacente. Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto la permanenza in carcere del sospettato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.