E il festival del Sociale “invade” la città dall’alba fino a notte

Le altre iniziative
In una città orfana degli appuntamenti musicali offerti negli ultimi anni dal cartellone di eventi promosso dal Comune di Como Es.Co. – quasi trenta concerti in meno si fanno sentire, eccome – le proposte gratuite di “Intorno al Festival” diventano una vera e propria boccata d’ossigeno per le velleità estive lariane.
La kermesse Como Città della Musica, che letta così oggi sembra quasi una provocazione, non è solo rappresentata dai preziosi momenti proposti dal cartellone del festival
partito domenica scorsa a Villa Olmo. Anche in questa quinta edizione, infatti, il programma è arricchito dai molti altri appuntamenti gratuiti, sparsi per la città, che fanno da corollario alle serate principali a pagamento.
Uno dei momenti più sorprendenti dell’edizione 2011, non a caso, fu proprio un evento inserito in questa sezione della manifestazione, ovvero il concerto di Fatoumata Diawara. E se quest’anno tornano luoghi incantati come la torre del Castel Baradello al tramonto, venerdì 6 luglio con i fuochi e le percussioni tribali dei Lune al Tempio, e la splendida Villa del Grumello all’alba, domenica 8 luglio con le Variazioni Goldberg di Bach, location inedite e altrettanto interessanti da riscoprire si affacciano nel carnet delle proposte 2012. Si parte già domani, alla Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” in via Petrarca 9, alle 22, con le “Atmosfere Francesi-Musique en espace” interpretate dai cantanti dell’Accademia di Aix-en-Provence, in collaborazione con il famoso festival della graziosa cittadina provenzale. Sabato 7 luglio, a Villa Geno, si prosegue con “Rock The Bus” e il Nu Metal dei Nemesi dal palco de “La Corriera della musica”. Martedì 10 luglio, al Parco San Martino, ore 18.30, “Una sedia in meno”, musiche klezmer nel bosco del ricordo proposte dall’Ensemble Orchestra 1813. Mercoledì 11 luglio, ore 21.30, al Giardino delle anfore a Como, in via Vittorio Emanuele 109, “Visioni d’infinito”, musica dall’Iran con la voce di Barzegari Raheleh e in collaborazione con il Festival “I giardini di luglio”, dell’Accademia Filarmonica Romana. Venerdì 13 luglio, alle 19.30, ultimo appuntamento alle Serre di Villa Grumello, “Incontri Inattesi”, cinque “agguati” artistici su progetto e coreografia di Isa Traversi.

Maurizio Pratelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.