E l’ex imam espulso da Como finisce nell’inchiesta veneziana

Terrorismo internazionale
C’è anche il nome dell’ex imam di Como espulso dall’Italia nel 2004 nell’indagine condotta dalla Digos di Venezia che nelle ultime ore ha portato in carcere quattro persone – tra cui l’ex imam di San Donà di Piave – e ne ha indagato a piede libero altre cinque. L’ipotesi è che tra 2001 e 2006, sia stato inviato in Siria almeno un milione e mezzo di euro, attraverso due banche italiane. Gli indagati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione
clandestina, produzione di falsa documentazione, comportamenti estorsivi nei confronti di connazionali. L’indagine è iniziata nel 2008 per accertare il possibile collegamento con organizzazioni terroristiche internazionali di siriani e ha portato alla luce i legami dell’ex imam di San Donà con mediorientali dell’estremismo religioso come l’ex imam di Milano e l’ex imam di Como.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.