E l’Italia unita va in mostra in caserma

Memorie – Alla De Cristoforis la rassegna documentaria curata dal colonnello Pietrangeli
Chiuderà domani alle 19 la mostra dedicata al Risorgimento, allestita negli spazi della caserma De Cristoforis in piazzale Montesanto 2 a Como, per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.
Ieri pomeriggio, in occasione della ricorrenza del 4 novembre, hanno visitato l’esposizione anche il sindaco di Como, Stefano Bruni, e il senatore lariano del Pdl Alessio Butti.
In occasione delle celebrazioni del 4 novembre, i rappresentanti dell’associazione “Cacciatori delle Alpi”

hanno rievocato in costumi d’epoca la battaglia di San Fermo, alle porte di Como, del 1859.
Numerosi anche gli alpini che curiosavano e osservavano gli oggetti esposti. La mostra è stata organizzata dal colonnello Mario Pietrangeli, comandante della Caserma De Cristoforis (Centro Documentale Como), con la partecipazione dell’Archivio di Stato cittadino, del Museo didattico della Seta, dell’Istituto comasco di storia contemporanea, dell’Istituto Nastro Azzurro di Sondrio, del maestro comasco Alessandro Berra e con il supporto logistico dell’Associazione nazionale alpini. Il colonnello Pietrangeli ha inoltre scritto un libro sulla vita del comandante garibaldino De Cristoforis, cui è intitolata la caserma. Nell’esposizione, aperta anche oggi fino alle 19 con ingresso libero, si potranno ammirare 68 stampe che ripercorrono la vita di De Cristoforis, affiancate da 18 pannelli celebrativi delle guerre d’Indipendenza fornite dall’Archivio di Stato. Numerosi i lavori sui 150 anni dell’Unità d’Italia che è possibile ammirare. Visibili anche dei quadri del pittore comasco Alessandro Berra, che hanno per tema la vita degli italiani dal 1861 a oggi.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
La rievocazione della battaglia di San Fermo del 1859 in costumi d’epoca (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.