Ecco il girone del Como con nove derby lombardi

altLa Lega Pro ha scelto la suddivisione geografica con squadre del Nord e Torres
Tutte avversarie del Nord Italia più la formazione sarda della Torres. Alla fine la Lega Pro, come ci si attendeva, ha costruito i gruppi per la stagione 2014-2015 seguendo il criterio geografico, quello che, nella sostanza, era più gradito ai club.
Sarà una stagione con tanti derby lombardi, con qualche “classica” che torna e sfide inedite contro avversarie emergenti.
Il torneo sancisce la rivoluzione della Lega Pro, che non ha più Prima e Seconda Divisione (le ex C1 e C2) ma tre gironi, ognuno composto da venti squadre. Le tre vincitrici dei gruppi andranno direttamente in serie B. I playoff, poi, ne promuoveranno una quarta: le sfide saranno tra seconde, terze, e le due migliori quarte. 

 

Per quanto riguarda la retrocessione, le ultime tre andranno direttamente in serie D, poi altre sei lasceranno la Lega Pro dopo i playout, due per ogni girone.
La prima sfida è fissata domenica 31 agosto, mentre la conclusione sarà il 10 maggio del 2015. Le soste sono previste il 28 dicembre, il 4 gennaio, il 5 aprile (Pasqua).
Il gruppo degli azzurri comprende squadre, oltre chi di Lombardia e Sardegna, di Piemonte, Friuli, Alto Adige e Veneto. Emiliane e liguri sono state mandate nel gruppo B.
Sul fronte dei derby regionali quelli più sentiti saranno contro formazioni che, al pari degli azzurri, vantano una tradizione importante, quindi con Cremonese, Monza, Pro Patria, e Mantova. Con meno appeal vi sono le gare con Pavia, Feralpi Salò, Lumezzane e AlbinoLeffe. Ci sono poi le new entry Renate (già incontrato anni fa in serie D) e Giana Erminio di Gorgonzola (che giocherà a Monza).
Una sola presenza dal Friuli, quella del Pordenone, mentre dal Piemonte arrivano due avversarie di lunga tradizione, Novara e Alessandria.
Lombardia a parte, il gruppo più consistente è quello del Veneto, con addirittura due formazioni di Vicenza, il Real e i biancorossi che per anni si sono chiamati Lanerossi. Dalla stessa provincia giunge il Bassano. A queste compagini va aggiunto il Venezia.
C’è poi, più Nord, l’Alto Adige, che i tifosi azzurri ricordano con un pizzico di amarezza, visto che è stata la squadra che ha eliminato i lariani nel corso degli ultimi playoff. Della Torres si è già detto.
«Penso che alla fine siano state fatte scelte giuste – spiega Giovanni Dolci, responsabile dell’area tecnica del club lariano – Avere inserito la Torres è stato giusto per un discorso di comodità legata agli aeroporti. Per il resto ritengo che con la suddivisione geografica vengano tutelati anche i tifosi che non dovranno affrontare trasferte lontane».
La squadra ora conosce i suoi avversari, mentre per il calendario bisognerà attendere ancora qualche giorno. In attesa che venga reso noto il cammino della nuova stagione la truppa di mister Giovanni Colella prosegue la sua preparazione. Oggi ricominciano gli allenamenti a Orsenigo mentre domani, dopo che è saltata la gara con l’Equipe Lombardia di domenica, l’appuntamento è per le 17 a Carate Brianza per il match con la locale formazione.

Massimo Moscardi

Nella foto:
Azzurri contro il Renate ai tempi della serie D

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.