Ecomafie: dati poco confortanti per la provincia di Como

Una discarica a cielo aperto

La lunga mano della criminalità ambientale s’impone sulla Lombardia. Secondo i dati del Rapporto Ecomafia 2019 di Legambiente presentato ieri, la nostra regione è al settimo posto in Italia per il numero di reati ambientali: il 5,7% delle infrazioni accertate, infatti, avviene sul territorio lombardo e si innesta principalmente nel settore del ciclo dei rifiuti e del cemento. Como si trova in alto in entrambi le classifiche di questi reati. Per quanto riguarda il ciclo illegale del cemento (quello dell’edilizia è storicamente un settore dove mafie e corruzione costituiscono una piaga) la nostra provincia è al 4° posto in Lombardia con 25 infrazioni accertate (34 denunce) e 2 sequestri. Resta alto anche il numero di inchieste riguardanti il settore dei rifiuti: Como è al 5° posto con 42 infrazioni accertate (43 denunce), 24 sequestri e due arresti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.