“El risott cun l’unda”, il nuovo libro di Magni

risotto all'onda

-Lo scrittore brianzolo Emilio Magni ha pronto un nuovo libro gastronomico e culturale. Ha appena consegnato all’editore Mursia i testi e le immagini del suo nuovo libro per la collana “Golosia”, “El risott cun l’unda”. Uscirà a fine ottobre. “Previste allegre “risottate” in gaudenti trattoria brianzole e milanesi per presentarlo”, dice Magni.  Qualche vecchio “ligera”, sopravvissuto al tramonto della Milano popolare, povera ma assai gaudente, racconta che era nelle osterie della “mala” dove i “pranzett eran propri bôn”. Furoreggiava in questi templi pagani pieni di fumo, di olezzi di pietanze e di droghe, dove talvolta incombevano baruffe, risse e balenava qualche coltello, il risotto alla milanese, quello con lo zafferano, el “risott giald”, meglio ancora “el risott cun l’unda”. Sul “risotto alla milanese”, la cui ricetta garante è depositata a Palazzo Marino, vi hanno furoreggiato “penne nobili” come Carlo Emilio Gadda, Gianni Brera, il comasco e delizioso Aldo Buzzi. Cuochi famosi hanno stilato la loro ricetta.”Con questo libro  – dice Magni – ho ritrovato l’elegia del “risott cun l’unda” gironzolando negli emozionanti ricordi delle vecchie osterie milanesi, ascoltando racconti di antica “gente” che nel bene e nel male fu interprete, per non dire “eroina” di questo bel mondo sdraiato un po’ di qua, un po’ di là dei Navigli, con dilatazioni morbide in altri quartieri popolari. Ecco qui in queste pagine, dunque il variopinto e allegro popolo che ha cantato e suonato le vere canzoni della “mala” e che ci ha dato dentro con i “pranzett”, dove era sempre trasgressione. “El risott cun l’unda” è dunque protagonista storie vere, altre colorate e ingarbugliate dalla fantasia, alcune delle quali arrivano fino a molto lontano nel mondo, comunque sempre nate intorno a tavoli coperti di cerate delle osterie “de Milan”. Racconto infine che “el risott cun l’unda” è ancora orgoglio in alcune trattorie milanesi e dei dintorni”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.