Elisoccorso, 1300 missioni notturne dal 2008 al 2018. Festeggiato il decennale
Cronaca

Elisoccorso, 1300 missioni notturne dal 2008 al 2018. Festeggiato il decennale

Uno schermo completamente buio e uno dove invece si vedono chiaramente – le immagini sono riprese a bordo di un elicottero in volo notturno – il terreno, le asperità, gli ostacoli e il punto dove poter atterrare. Così come il luogo in cui si trovano le persone da soccorrere. In un video di un minuto – mostrato questa mattina nella sede dell’elisoccorso – è condensata la grandezza e l’importanza del volo notturno. Un servizio vitale, ancor più efficiente grazia alla possibilità di usare, dal 2016, i night vision gogggles, dei visori notturni che amplificando la ridotta luce ambientale notturna, consentono di vedere al buio e di compiere operazioni fino a poco tempo fa impossibili. L’occasione per fare il punto della situazione è stata la celebrazione dei 10 anni del volo notturno (dalle 20 alle 8) dell’elisoccorso di Como. Un periodo di tempo che ha visto incredibili trasformazioni, cambiamenti tecnologici e organizzativi che hanno portato un miglioramento del servizio. Dal primo decollo dopo il tramonto a oggi, il servizio di soccorso sanitario notturno ha registrato un progressivo sviluppo con ben 1300 missioni notturne in dieci anni.

Elicottero 118 pronto al decollo
Elicottero 118 pronto al decollo

«L’elisoccorso – sottolinea Alberto Zoli, direttore generale di Areu – Azienda regionale dell’emergenza-urgenza – è stato individuato come settore di punta su cui investire per garantire la continuità del servizio tra il giorno e la notte e, conseguentemente, la medicalizzazione precoce dei pazienti e il trasporto in ospedale. Decisiva anche l’istituzione della Creli, la Centrale regionale dell’elisoccorso lombardo. tante le novità ad esempio stiamo lavorando per inserire anche i droni che, dall’alto, possono fornire una quadro del luogo dell’intervento». Il servizio di stanza a Como è passato da una media di 70 interventi notturni all’anno a oltre 300 l’anno. Nel 2017 i voli notturni sono stati 327, mentre dall’inizio del 2018 a oggi 177. «Si tratta di interventi – spiega Maurizio Volontè, responsabile del 118 e dell’Elisoccorso di Como – dove l’utilizzo dell’elicottero non solo può permettere di ridurre i tempi di raggiungimento del paziente da parte di un’équipe qualificata, ma anche l’arrivo all’ospedale più idoneo in tempi particolarmente contenuti». Infine per illustrare i visori notturni è intervenuto il comandante Gianfranco Molina.

20 luglio 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto