Emergenza Coronavirus, chiude la mensa dei poveri di via Grossi. La Caritas: «Decisione di buon senso»

Roberto Bernasconi

Sospesa l’attività della mensa dei poveri di via Tommaso Grossi nei locali dell’Opera don Guanella.
«Nessun caso di contagio – tiene a precisare il direttore della Caritas diocesana, Roberto Bernasconi – ma si tratta di una decisione di buon senso vista la vicinanza con l’area dedicata alla residenza per anziani». Il direttore Bernasconi spiega infatti che l’attività verrà dirottata sulle altre mense cittadine, quella vincenziana di via Tatti e inoltre in quella della Caritas di via Lambertenghi.
«È in corso – dice sempre il direttore – una necessaria riorganizzazione per gestire la situazione nel modo migliore possibile». Per un paio di sere saranno comunque preparati i sacchetti con i pasti che verranno consegnati all’esterno, dove c’è il cancello nei pressi della chiesa di via Grossi, altri saranno portati direttamente nei luoghi dove i senza fissa dimora trascorrono la notte.
E anche in questi spazi notturni si sta riorganizzando il lavoro nel modo più sicuro possibile. «Facciamo tutto quanto è necessario per tenere gli ospiti il più possibile all’interno anche oltre gli orari consueti proprio per evitare che escano e si espongano a rischi – aggiunge il direttore della Caritas – L’obiettivo è infatti di farli girare il meno possibile per la città». Ecco così che «proprio per limitare i possibili contagi negli spazi adibiti all’accoglienza – dice infine Bernasconi – stiamo anche riducendo il numero di volontari e aumentando quello degli operatori. È molto difficile ma ognuno di noi – conclude – deve fare la propria parte in questa delicata emergenza».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.