Enrico Ostinelli, professore poliedrico

Il ricordo
Come si raccoglie un testimone? Quando si tratta di onorare la memoria di un  intellettuale che è stato per molteplici ambiti del suo impegno un autentico precursore e un vanto della sua città, oltre che un modello di vita, non basta riunire alcuni esempi significativi del suo lavoro.
Occorre guardare oltre, e  costruire un affresco ampio quel tanto che basti a dare un’idea della vastità dei suoi interessi, e a segnare il campo dell’eredità morale di cui il protagonista è titolare. In questi termini centra l’obiettivo – ed è un modello per molti aspetti da seguire se il materiale umano e culturale vale effettivamente l’impegno – un volume che esula dal genere encomiastico-celebrativo delle pubblicazioni firmate da allievi di professori eccellenti. Il libro in questione viene presentato oggi alle 21 nel salone della Biblioteca comunale in piazzetta Venosto Lucati
 a Como e si intitola Enrico Ostinelli. Un’intelligenza comasca. È appena uscito a cura di Adriano Giudici ed edito da “Officina della Narrazione” (pp. 206, 20 euro). Ostinelli è stato una figura di spicco del corpo docente dell’Istituto Tecnico Commerciale Caio Plinio Secondo di Como,  e si è occupato con la medesima tenacia e libertà di ricercatore alle teorie economiche  e a studi di scienze astronomiche, componendo anche dialoghi filosofici di notevole impatto e stilisticamente notevoli sotto il profilo letterario. Il curatore Giudici è stato allievo del professor Enrico Ostinelli dal 1964 al 1968. Stasera oltre all’autore interverranno il professor Tertulliano Pirondini e Alberto Mingardi.

Lorenzo Morandotti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.