«Eredità da un milione e chili d’oro». Truffa a Ponte Chiasso: arriva la Finanza

Dogana di Chiasso

«Aiutami a sbloccare quella eredità, contenuta in una valigetta fermata in Dogana a Como. Ci sono dentro un milione di euro e 17 chili di biglie d’oro. Te ne darò una parte».
Parola più, parola meno, potrebbe essere stato questo il colloquio tra un 68enne ligure e una donna che – mesi prima – l’aveva contattato sui social, evidentemente facendolo invaghire. Visto che, mese dopo mese, pare abbia “spillato” alla vittima per svariati motivi una cifra (tutta da quantificare) superiore ai 60mila euro. Gli ultimi 4mila appena consegnati nelle scorse ore a Varazze e destinati a una nuova “missione”: quella della valigetta ferma in dogana. La tranche definita per “sbloccare” l’eredità sarebbe stata di 25mila euro, che avrebbero dovuto essere consegnati in un bar di Ponte Chiasso, nei pressi della dogana.
Ed è stato proprio in quel momento che sono saltati fuori gli uomini della guardia di finanza di Savona, che stavano seguendo quanto stava accadendo. Al tavolo, tuttavia, non c’era una donna bensì un uomo della Liberia, 48 anni, che è stato arrestato. L’accusa nei suoi confronti, formulata ieri in tribunale nel giudizio con rito direttissimo, è stata di truffa (per i 4mila euro consegnati a Varazze) e tentata truffa, per i 25mila euro che avrebbe dovuto intascare a Ponte Chiasso. Ieri l’arrestato, assistito dall’avvocato Rachele Viganò, ha parlato di fronte al giudice di Como dicendo di aver agito per conto di un amico. Il suo racconto verrà vagliato dalla guarda di finanza che, come detto, già stava indagando sul conto del maxi raggiro in atto ai danni del 68enne.
Il direttissimo intanto si è chiuso con la convalida dell’arresto, la disposizione della permanenza in carcere dello straniero e il passaggio del fascicolo a Savona per competenza territoriale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.