Esplosione mortale di Gravedona, fuori pericolo il proprietario della casa

E’ fuori pericolo l’uomo di 66 anni di Stazzona ferito ieri a Gravedona per l’esplosione di un serbatoio di Gpl nel giardino della sua abitazione.

Il drammatico inciednte è costato la vita a un operaio di 53 anni del Lecchese, Mauro Pigazzini, dipendente della Butangas, che stava rifornendo il contenitore.

La causa dello scoppio non è ancora stata chiarita e sono in corso gli accertamenti. La Procura di Como ha aperto un’inchiesta. Dopo lo scoppio, l’operaio è stato sbalzato a diversi metri di distanza ed è morto purtroppo sul colpo.

Il padrone di casa, che era a poca distanza, è rimasto invece ferito in maniera seria al viso e alle gambe. Soccorso con l’elicottero, è stato ricoverato al Niguarda di Milano. Dal presidio arrivano notizie incoraggianti. Il 66enne infatti non sarebbe più in pericolo di vita e a breve potrebbe lasciare la terapia intensiva.

Oggi dovrebbero intervenire gli esperti del nucleo investigativo antincendio dei vigili del fuoco per le analisi per chiarire la causa dell’esplosione del serbatoio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.