Estorcono terreno a imprenditore,arresti

Padre e figlio ci hanno costruito un manufatto

(ANSA) – CATANZARO, 31 GEN – Personale della Squadra mobile di Catanzaro ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Aurelio Maurizio Notarianni, di 57 anni, e agli arresti domiciliari nei confronti del figlio Luigi, di 29, per estorsione e tentata estorsione aggravati dal metodo mafioso. Aurelio Maurizio Notarianni è stato già condannato, nel processo ‘Medusa’, quale elemento di vertice della cosca "Giampà" di Lamezia Terme. Dalle indagini coordinate dalla Dda, è emerso è emerso che gli indagati, con minacce esplicite, hanno costretto la vittima a realizzare una vendita fittizia di un appezzamento di terreno a destinazione agricola, con l’intento, poi realizzato, di costruirvi un manufatto da destinare ad abitazione. La vicenda è andata avanti per anni. Già nel 2008, infatti, Aurelio Maurizio Notarianni, in prossimità dell’acquisto del terreno da parte di un imprenditore lametino, si era fatto consegnare 10mila euro a titolo estorsivo, per consentirgli un tranquillo godimento del bene.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.