Eurolega amara, Cantù battuta ai supplementari

Basket – Delusione nella trasferta di Istanbul
Cantù ci ha provato fino all’ultimo, ma alla fine è stato l’Ulker Fenerbahce ad avere la meglio al termine di una gara equilibrata, decisa dopo un tempo supplementare: 85-83 il punteggio finale. La sfida di Eurolega in Turchia ha visto la Bennet lottare fino all’ultimo, ma nel momento decisivo è stata la formazione di Istanbul – peraltro abituata a risolvere le sfide a suo favore in volata – a trovare lo spunto che le ha regalato il successo.
Nei tempi regolamentari, la sfida tra brianzoli

e turchi era stata emozionante, giocata punto a punto, con la truppa di coach Andrea Trinchieri che aveva vinto nella prima e seconda frazione. Poi, nella terza, i padroni di casa si sono riportati avanti, ma non sono riusciti a portare completamente l’inerzia della partita a loro favore.
Gli istanti finali dei tempi regolamentari sono stati all’insegna delle emozioni, con l’Ulker che, dalla lunetta, ha sbagliato il tiro libero che avrebbe portato i turchi, a pochi secondi dalla fine a un “tranquillo” +4.
Sul 73-30 non si è fatto pregare il capitano Nicola Mazzarino che ha trovato lo spiraglio giusto per insaccare il tiro da tre che ha portato la gara in parità e ha diretto le due contendenti al tempo supplementare che ha poi ha deciso la gara a favore dei padroni di casa. Con qualche rimpianto per le tante palle perse e i troppi errori dal tiro da tre.
Ora l’attenzione della Bennet torna sul campionato: domenica prossima a Cucciago alle 18.15, infatti, ci sarà l’attesa gara contro la Pepsi Caserta, allenata da un grande ex come Stefano “Pino” Sacripanti.
Prossimo appuntamento in Eurolega, invece, il prossimo 24 novembre a Nancy.

Nella foto:
Due soli punti per Andrea Cinciarini, play della Bennet, che comunque è rimasto in campo per 32’

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.