Evenepoel e la caduta al “Lombardia”: «Sento ancora dolore»

Remco Evenepoel

«Non sono ancora pronto a gareggiare; sento ancora dolore. Non sono preoccupato e proseguo con la mia preparazione, programmata individualmente».
A un sito specializzato belga, il giovane Remco Evenepoel ha parlato della sua condizione dopo l’incidente al Giro di Lombardia dello scorso anno, andato in scena il giorno di Ferragosto.
Mentre era nel gruppo dei primi, il promettente ciclista belga – campione del mondo Juniores 2018 in Austria – era caduto nella discesa che collega Sormano a Nesso, sbattendo contro il muro di un ponte e finendo nella scarpata sottostante. Un volo che aveva anche fatto temere il peggio. Poi, dopo le prime inquietanti, immagini che hanno fatto tremare gli appassionati di tutto il mondo, la notizia che il ciclista aveva riportato una serie di fratture, ma che non era comunque in pericolo di vita. Dopo le prime cure all’ospedale Sant’Anna e il rientro immediato nel suo Paese, il Belgio. Remco Evenepoel sta meglio ma, come detto, non è al 100%. «Ho dolore vicino ai punti dove mi sono fratturato – ha spiegato – e sento male quando devo stare in sella a lungo. Ma sapevo che sarebbe andata così e quindi vado avanti con la mia preparazione personalizzata».
Evenepoel gareggia per la Deceuninck-QuickStep, la formazione che ha iniziato pochi giorni fa il ritiro in Spagna in vista degli impegni della nuova stagione. Della squadra belga fa parte anche il canturino Davide Ballerini, vicecampione italiano nel 2020, vincitore dell’ultima tappa al Giro di Polonia e terzo in volata nella frazione conclusa a Villafranca Tirrena al Giro d’Italia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.