Ex Sant’Anna, ampliare le funzioni per rinascere

Finestre rotte nei padiglioni dell'ex ospedale Sant'Anna (foto Nassa)

Il futuro dell’ex Sant’Anna si deciderà a settembre. Come riportato dal Corriere di Como sarà infatti questo il mese decisivo per capire come poter arrivare a uno spacchettamento dei diversi immobili presenti nell’immensa e in parte degradata area di via Napoleona e procedere alla loro vendita. Tra i soggetti impegnati in prima linea anche il Comune di Como che, nei mesi scorsi, ha più volte discusso su come poter modificare l’accordo di programma, ormai del 2003, così da accelerare la rinascita dell’area. Chiaro l’obiettivo che si vuole raggiungere, come riportato nella delibera di giunta, dove si parla di voler «ampliare le destinazioni d’uso previste dall’accordo (residenziale, terziario e commerciale, edifici pubblici e/o di interesse pubblico “cittadella sanitaria”) considerando, tra le altre, ulteriori funzioni socio-sanitarie ed assistenziali». E di seguito arriva la luce verde per Rsa (residenze per anziani autosufficienti e non), spazi per la formazione superiore collegati al comparto socio-sanitario e anche residenze per infermieri. Una precisa indicazione per poter intercettare il maggior numero di soggetti interessati, tanto che il documento specifica inoltre la necessità di «articolare il comparto in sotto-ambiti, per quanto possibile autonomi per una più tempestiva ed efficace operatività, sviluppando preliminarmente un masterplan complessivo che individui anche la ripartizione degli impegni di carattere economico». Il Comune dunque è pronto per la rinascita di via Napoleona. Gli altri soggetti anche (Asst lariana e Ats). E sempre entro settembre il Comune prevede – puntando dunque su una positiva conclusione della revisione dell’accordo di programma – anche di effettuare già «la ricognizione delle esigenze di vari enti tra cui il Ministero della Giustizia, l’Inail e il Dipartimento Arpa Como – Varese», si legge nella delibera. In attesa anche delle proposte di soggetti privati che sarebbero già interessati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.