Ex segretario comunale: condanna definitiva

LA CASSAZIONE SUI FATTI DI DONGO
Si è conclusa in Cassazione con due anni di condanna la vicenda dell’ex segretario comunale di Dongo finito nei guai per le accuse di concussione e tentata violenza privata. La storia, che aveva anche richiamato l’attenzione della popolare trasmissione tv “Le Iene”, è ruotata attorno ai maxi-compensi ricevuti dallo stesso ex segretario e alle sue indennità di trasferta percepite. Soldi che per l’accusa non dovevano esseri

corrisposti. Confermato anche il risarcimento di 20mila euro a favore del contabile del Comune (assistito dall’avvocato Fabio Gualdi), minacciato dopo essersi rifiutato di autorizzare rimborsi che non riteneva legittimi. I fatti risalgono agli anni 2007-2008. L’udienza romana è stata burrascosa. Il procuratore generale ha chiesto (per la concussione) l’assoluzione «perché il fatto non sussiste», scontrandosi con la parte civile che si è opposta. Alla fine i giudici hanno premiato l’avvocato Gualdi confermando la condanna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.