Fabrizio Musa espone a Milano fino al 24 gennaio

altFino al 24 gennaio, nella galleria Federico Rui Arte Contemporanea di via Filippo Turati 38 a Milano, è in corso la personale di Fabrizio Musa dal titolo “Archi.txt”, dedicata alle architetture di Milano.
A distanza da dieci anni dal successo della mostra “Omaggio a Kubrick”, l’artista comasco (foto) torna a esporre nello spazio meneghino con una serie di opere dedicate alla città di Milano: sono in mostra sei acrilici eseguiti su antiche assi di recupero, oltre a una serie di venti opere

appositamente realizzate con serigrafia e acrilico.
Fin dal suo esordio artistico, nella seconda metà degli anni Novanta, Musa ha contaminato le tecniche pittoriche più tradizionali con le nuove tecnologie. Indagatore da tempo dell’arte digitale, l’artista ha coniato il termine “Scanner Art” per definire il particolare procedimento con cui realizza le sue opere. Utilizzando lo scanner, Musa trasforma le sue fotografie in file “txt” (solo testo), ottenendo una riduzione della definizione dell’immagine, successivamente reinterpretata manualmente attraverso una pittura in bianco e nero, con rari accenni cromatici con pigmenti sempre acrilici.
Il metodo di lavoro di Fabrizio Musa contempla una pluralità di tecniche ed è stato in più occasioni legato all’architettura. Orari: da martedì a venerdì 15-19; informazioni sul sito Internet della galleria www.federicorui.com. Ingresso libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.