Festival di Villa Olmo, coinvolti 15.800 spettatori

Villa Olmo

La prima edizione del Villa Olmo Festival dal 30 giugno al 15 agosto, culminata domenica con l’esibizione degli Extraliscio con il loro punk da balera romagnola, ha acceso l’estate lariana con più di 60 eventi in cartellone, otto serate con il tutto esaurito e 15.800 presenze agli spettacoli con fino al 40 % di presenze straniere in 47 giorni di programmazione e il coinvolgimento di venti realtà tra istituzioni e associazioni. Il tutto in un anno non facile da gestire con l’introduzione del green pass per arginare il diffondersi della pandemia e della variante Delta del Coronavirus e con l’emergenza ambientale e meteo che ha costretto ad annullare quattro serate, in cui la pioggia non ha reso possibile andare in scena; due di queste sono state recuperate all’interno del festival in altre date (Moni Ovadia recuperato il 9 agosto e la proiezione del film Alida ricalendarizzata il 3 agosto.
«In questa estate di rilancio del turismo, Villa Olmo per più di un mese e mezzo è divenuta il luogo principe per le attività artistiche, con una programmazione destinata ai residenti e ai turisti, un cuore cittadino, una cornice che ha ospitato associazioni e istituzioni», fa sapere il Comune di Como, che prosegue: «L’esperimento di quest’anno ha dimostrato come la città possa reagire all’unisono: le principali realtà culturali del territorio, coordinate dal Teatro Sociale di Como/ AsLiCo che si è fatto carico dell’impegno organizzativo, hanno collaborato con gli uffici del Comune, le squadre di tecnici, la sicurezza pubblica. Le realtà imprenditoriali si sono affiancate con il contributo economico che ciascuna poteva dare. Pubblico e privato insieme hanno reso possibile la manifestazione, riconoscendo il valore di questo progetto per la città».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.