Fiera di Alzate Brianza, si rinnova la tradizione. Si comincia domani e si chiude il 10 settembre
Cronaca

Fiera di Alzate Brianza, si rinnova la tradizione. Si comincia domani e si chiude il 10 settembre

«Vanno preservate le tradizioni del territorio. E per noi è un orgoglio contribuire a mantenerle vive e tramandarle». Ne è fermamente convinto l’ingegner Giovanni Pontiggia, presidente della Bcc Brianza e Laghi, nel parlare della vicinanza del gruppo alla fiera secolare della Madonna di Rogoredo ad Alzate Brianza. La manifestazione si tiene in concomitanza con la festività religiosa della Nascita della Beata Vergine Maria, l’8 settembre, e si svolge lungo le vie circostanti il Santuario omonimo. E proprio questa sera il primo momento significativo con l’offerta del Cero da parte dell’amministrazione comunale. E poi, fino al 10 settembre largo alla rassegna zootecnica, alla fiera commerciale, agli stand gastronomici e alle aree espositive. «La nostra presenza è costante. Ci rende orgogliosi sapere che, grazie anche al nostro supporto, si sia conservato e valorizzato questo appuntamento. Troppo spesso simili fiere si perdono nel nulla – dice il presidente Pontiggia – Quello che abbiamo cercato di fare è fornire un contributo costruttivo e utile per adeguare il modello organizzativo dell’evento all’evoluzione dei tempi. Una scelta che ha contribuito a rendere questo appuntamento il più importante a livello provinciale, pur essendo una fiera di paese, di periferia e non del capoluogo». E a tal riguardo è motivo di apprezzamento «il collegamento che esiste tra la nostra fiera e quella di Casatenovo, un legame che deve essere fortificato per unire i territori del comasco e del lecchese», aggiunge Pontiggia. Per il futuro l’obiettivo è di ampliare il palcoscenico dell’evento «interessando Lariofiere. Perchè non valorizzare il settore agricolo e zootecnico così ben rappresentati nella fiera di Alzate, ad esempio in un appuntamento di prestigio come la rassegna RistorExpo? Portando i prodotti locali nella filiera della ristorazione? Ripartendo proprio da settori primari come quello agricolo si costruisce il substrato economico della provincia», conclude il presidente Pontiggia. «Le aspettative per questo appuntamento secolare sono sempre molto alte – interviene il sindaco di Alzate Brianza Massimo Gherbesi – Innanzitutto per l’aspetto religioso e poi per l’importanza che la fiera ha assunto dal punto di vista economico e sociale. Negli anni si è lavorato con impegno e grazie a certi partner sempre presenti come la Bcc, e con l’impegno dei volontari, la nostra fiera è ormai diventata un punto di riferimento per il settore agricolo e zootecnico. Adesso il prossimo passo sarà quello di espanderci oltre i confini territoriali per farci conoscere sempre di più». L’ultimo commento è del presidente di Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi. «Quello di Alzate è un appuntamento ormai irrinunciabile per gli addetti. I temi principali su cui ci concentriamo sono molto chiari: il forte legame con la realtà agricola e zootecnica locale, la salvaguardia dell’ambiente e l’avvicinamento della società civile al nostro mondo che interessa sempre di più. Con il passare del tempo infatti i segnali sono sempre più positivi – spiega il presidente Trezzi – Sono tutti elementi che sosteniamo per qualificare e diversificare al massimo le nostre produzioni rispetto al panorama nazionale. Adesso dobbiamo cercare di fare in modo che tutto ciò costituisca anche un’adeguata fonte di reddito per chi decide di impegnarsi o di rischiare in simili attività. È un ostacolo deve essere superato».

6 settembre 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto