Finto lavoro per il permesso. La sentenza attesa a marzo
Cronaca

Finto lavoro per il permesso. La sentenza attesa a marzo

Uno è accusato di essere il datore di lavoro che fingeva di assumere a tempo indeterminato per far acquisire il permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Gli altri, erano i presunti beneficiari di questo “giro”. Il processo, nato dall’inchiesta della Procura che aveva coinvolto quindici immigrati, arriva alla conclusione. Quattro le posizioni ancora aperte e che hanno sfidato l’aula dibattimentale. Quella del datore di lavoro, titolare di una impresa edile (è un tunisino di 49 anni, difeso da Angelo Bianchi) e tre immigrati, due tunisini e un algerino, rappresentati da Rita Mallone, Alessandro Borghi e Davide Arcellaschi. Ieri sono stati sentiti altri stranieri che hanno definito le posizioni: hanno riferito che un lavoro era stato realmente promesso, dunque a monte non vi erano accordi illeciti. Sentenza in marzo.

8 Dicembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto