Fontana e l’arte del mobile, memorie corte in Brianza

opinioni e commenti di lorenzo morandotti

di Lorenzo Morandotti

Avere la memoria corta, arte piuttosto praticata dalle nostre parti. Come spiega Tiziano  Casartelli, architetto e storico del mobile brianzolo autore del volume Cantù e il mobile. Dal gusto classico al design edito dalla rivista “Canturium”, è da un secolo che invano si attende un museo del mobile che documenti l’eccellenza della filiera del legno-arredo brianzola. Anche Como potrebbe candidarsi, dato che ha negli anni ospitato eventi di eccellenza come la mostra Colori e forme nella casa d’oggi nel 1957 (tra i protagonisti Ico Parisi e Gio Ponti), che fu una sorta di anteprima del Salone del Mobile che ha aperto ieri nei padiglioni di FieraMilano a Rho e nei tanti eventi della galassia “Fuorisalone”.  Un museo simile potrebbe alimentare il turismo culturale nel Comasco, visto che tale settore è promettente nel medio periodo. Restringiamo il campo? Pensiamo allora a un singolo artista. A Cantù risale appunto al 1957  il  mosaico di Lucio Fontana nel Palazzo delle Esposizioni. Si trova nell’atrio (150 metri quadrati circa), segnalato per fortuna da una targa, ed è opera del maestro dello Spazialismo celebre per i suoi “tagli”. La decorazione musiva è un  tesoro che non tutti conoscono. Oggi si trova frammentato e non più visibile nella sua integrità. Fu l’architetto Renato Radici a commissionare a Fontana il mosaico per il suo palazzo razionalista. Un notevole pezzo d’arte che molti calpestano senza rendersi conto dell’autorevolezza del suo artefice e della sua storia. Un libro per fortuna ne ha documentato le vicende.  dopo la mostra del 2003 su Fontana a Cantù allestita presso la Galleria del Design e dell’Arredamento, con testi di Claudio Cerritelli, Paolo Campiglio, Gillo Dorfles, Tommaso Trini, Luciano Caramel, Paolo Minoli. Se volete rinverdire la memoria di Fontana, andate ad Aosta dove dal 13 aprile al 22 settembre, al Museo Archeologico Regionale si terrà la mostra Lucio Fontana. La sua ombra lunga, quelle tracce non cancellate a cura di Giovanni Granzotto e Leonardo Conti. In mostra una trentina di opere tra la fine degli anni Quaranta e il 1968 tra tele, ceramiche e carte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.