Forno crematorio di Biella: i parenti delle vittime creano un comitato

Tempio Crematorio Biella

«Vogliamo verità e giustizia per i nostri cari, non chiediamo altro. Non siamo interessati ai risarcimenti, ma solo ad accertare cosa sia accaduto».
Dopo l’archiviazione delle richieste di nuove indagini avanzate da centinaia di famiglie coinvolte nello scandalo del forno crematorio di Biella (molte anche comasche), i parenti hanno creato il comitato “A casa con me”.

L’inchiesta sul crematorio di Biella era sfociata nel 2018 nell’arresto degli allora gestori dell’impianto, accusati di gravi irregolarità nelle cremazioni, con l’ipotesi di ceneri dei defunti confuse, mischiate o persino gettate tra i rifiuti. Solo alcune delle vittime però sono state comprese tra le parti civili.

«Quando siamo venuti a conoscenza dell’archiviazione – dice la presidente del Comitato, Laura Attena – il dolore, la sfiducia e l’indignazione sono stati molto forti e abbiamo deciso di continuare a batterci per avere giustizia». «Nel processo sono entrate solo le famiglie dei defunti cremati nel breve periodo in cui i carabinieri hanno effettuato riprese e intercettazioni – spiega Massimiliano Gabrielli, avvocato che collabora con il Comitato – Altre 500 e più persone hanno comunque presentato una querela e chiesto di estendere gli accertamenti».

«Auspicavamo davvero una riapertura delle indagini – concludono i portavoce del comitato – I nostri cari meritano giustizia».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.