Franco Mantero: «La seta di qualità ha un futuro»

Il nuovo ad
«Per la produzione serica di qualità esiste un futuro, commerciale e industriale». Con questa convinzione Franco Mantero, 38 anni, figlio di Moritz, si è messo alla guida dell’azienda di famiglia. Nelle scorse settimane è diventato amministratore delegato del gruppo serico di via Volta, subentrando a Massimo Brunelli, il manager al quale il padre, presidente e azionista di maggioranza di Mantero Seta, aveva affidato negli ultimi cinque anni il compito di riorganizzare il colosso serico lariano.
La “cura” Brunelli ha dato i suoi frutti: il fatturato è a quota 68 milioni di euro, con un incremento del 4% rispetto allo scorso anno. E l’indebitamento è sceso a 15 milioni dai 40 milioni di euro di cinque anni fa.
«Non abbiamo ancora raggiunto il traguardo dell’utile – ha ammesso ieri al “Sole 24 Ore” il nuovo amministratore delegato di Mantero Seta – e chiuderemo l’anno con una perdita netta di circa 2 milioni di euro». Il giovane manager, da otto anni in azienda dopo aver fatto esperienza in Ibm, si è però detto ottimista.
«Gli ordini già raccolti per le prossime stagioni – ha sottolineato – i nuovi progetti nel campo delle licenze e un nuovo modo di intendere i rapporti con i marchi della moda ci consentiranno di aumentare, nel 2012, il fatturato e i margini in tutti e tre i settori in cui siamo presenti: accessori donna, accessori uomo e tessuti per abbigliamento».
Al “Sole 24 Ore” Franco Mantero ha poi spiegato di non aver accettato l’incarico «per senso del dovere o per attaccamento forzoso» all’azienda di famiglia, ma perché «sinceramente convinto» che sia la Mantero sia la seta abbiano un futuro. «Anche se – ha concluso – non è stato facile convincere mio padre che non vivo questa sfida come un obbligo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.