Fratelli d’Italia di nuovo contro la Lega. Questa volta nel mirino c’è Turba

Fabrizio Turba

Tocca alla Regione Lombardia riavviare immediatamente la discussione con lo Stato per trovare una soluzione al problema del secondo lotto della tangenziale di Como.
Una nota del deputato comasco di Fratelli d’Italia, Alessio Butti, apre un nuovo fronte polemico interno alla maggioranza di centrodestra.
E ancora una volta, l’obiettivo dei dirigenti del partito di Giorgia Meloni è la Lega.
«Nei giorni scorsi ho letto che in Regione si è riunito il Tavolo delle Infrastrutture per discutere l’annosa questione del secondo lotto della tangenziale di Como – scrive Butti – e ho letto anche le stupefacenti dichiarazioni del sottosegretario Fabrizio Turba: “…bisogna ripartire dalla richiesta del finanziamento dello Stato…”. Sono sobbalzato sulla sedia perché tutti sanno che, tecnicamente (le decisioni politiche sono altra cosa), il Cipe attende segnali dal territorio, quindi dalla Regione Lombardia, per valutare l’impegno del governo».
Butti ricorda di aver seguito da vicino la vicenda per anni e conferma che «al momento lo Stato non intende investire un centesimo nel secondo lotto della tangenziale di Como», opera non ricompresa nei piani di sviluppo delle infrastrutture nazionali.
«L’unica cosa che in questi anni siamo riusciti ad ottenere, ed è già molto, considerata l’ostilità ideologica del Movimento 5 Stelle, è la disponibilità del Cipe ad attendere soluzioni alternative dai territori – insiste Butti – Quindi la cosa importante è che la Regione Lombardia, evitando di perdere altro tempo, avvii un dialogo serrato con il ministero delle Infrastrutture» per far conoscere a quest’ultimo la possibile soluzione. Una soluzione, peraltro, che costa 830 milioni di euro. «Se questo non accade perdiamo solo tempo – conclude Butti – con quisquilie sulla presunta gratuità del tracciato, più volte promessa dalla Regione, e su polemicucce inutili. Sarebbe opportuno che tutti parlassero la stessa lingua. Soprattutto la Regione e il ministero delle Infrastrutture. I comaschi gradirebbero molto».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.