Furti e danneggiamenti, baby gang imperversa nella Bassa: escalation di segnalazioni

stazione di Rovellasca

La gente è stanca. E il malumore, nella Bassa Comasca, cresce. Una baby gang starebbe imperversando da febbraio tra le strade soprattutto di Rovello Porro e Rovellasca. Più episodi su cui stanno indagando i carabinieri, che spesso sarebbero riconducibili agli stessi ragazzetti, tutti minorenni e residenti nelle zone limitrofe a dove starebbero avvenendo gli episodi. La scia di fatti accaduti in rapida sequenza è notevole: il 23 febbraio, ad esempio, arriva la comunicazione che intorno alle 15, su un treno in arrivo da Como, due o tre minori avrebbero circondato un coetaneo per portargli via il giubbetto, non riuscendo nel loro intento per la reazione della vittima individuata dal branco.
Il 27 febbraio, due gruppi di minori – uno dei due pare anche armato di bottiglie e di un machete – si affrontano in via Dante a Rovellasca. Botte ma nulla si serio, all’apparenza. Negli stessi giorni un supermercato, sempre di Rovellasca, segnala più furti (almeno quattro, tutti soprattutto di birra) da parte di ragazzini che non perdono occasione di importunare e aggredire anche i clienti.
Il 1° marzo, sempre nel primo pomeriggio intorno alle 15, un vigile di Rovellasca ferma un giovane nei pressi del supermercato, venendo a sua volta aggredito verbalmente. Ma il racconto non finisce qui, perché in mezzo a tutto questo anche il chiosco del parco avrebbe segnalato alle forze dell’ordine danneggiamenti di arredi per esterni come ombrelloni, ma anche tavoli e sedie. Una situazione che è andata crescendo giorno dopo giorno e che ora tra Rovellasca e Rovello Porro viene vissuta con esasperazione. La gente è stanca e in azione, secondo indiscrezioni, sarebbe quasi sempre lo stesso gruppo di ragazzini, tutti minorenni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.