Furti e danneggiamento di statue sacre in Ticino: fermati gli autori

I mezzi della polizia cantonale

In Ticino fermati e interrogati due 23enni e un 24enne, tutti cittadini svizzeri domiciliati nel Mendrisiotto. I giovani, con ruoli e responsabilità differenti, sarebbero  – secondo la Polizia Cantonale e il pubblico ministero  Zaccaria Akbas –  gli autori dei furti e dei danneggiamenti di statue sacre, in almeno 17 episodi, avvenuti negli scorsi mesi in Canton Ticino, in particolare nel Mendrisiotto e nel Luganese. La loro identificazione e il loro successivo fermo sono stati resi possibili dagli accertamenti scaturiti dall’inchiesta della Polizia cantonale,  a cui ha collaborato anche il Corpo delle guardie di confine. I giovani sono stati denunciati al pubblico ministero per furto, turbamento della libertà e di credenza di culto, danneggiamento e violazione di domicilio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.