Furti e rapine in serie: in carcere finiscono padre e figlio

Carabinieri di Appiano Gentile

Una serie lunghissima di reati come furti, rapine (riuscite e tentate), violenze e pure un sequestro di persona, compiuti a vario titolo da padre e figlio (il primo di 59 anni, il secondo di 21) residenti ad Appiano Gentile e Cassina Rizzardi. I carabinieri della stazione di Appiano Gentile hanno eseguito nelle scorse ore una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei due indagati. Padre e figlio sono stati condotti al Bassone in attesa di essere sentiti dallo stesso giudice che ha firmato l’ordinanza.

Nella stessa misura restrittiva sono confluite più accuse, comprese in un arco di tempo che va dal 30 agosto del 2018 ai giorni scorsi. Una lunga serie di furti ma anche di reati più gravi, come le due rapine (una tentata e una riuscita) andate in scena tra Appiano Gentile e Cassina Rizzardi.

Il 30 agosto del 2018, ad esempio, una signora di 69 anni fu avvicinata mentre si trovava nel cimitero di Appiano, sorpresa alle spalle, messa fuori causa con l’utilizzo di spray al peperoncino e alla fine rapinata della borsa che aveva a tracolla, contenente appena 35 euro e le chiavi di casa. I carabinieri ricostruirono l’accaduto, rinvenendo la bomboletta spray, la borsa e le chiavi di casa che erano in realtà state abbandonate su un muretto. Il colpo fu commesso da padre e figlio in concorso.

Il 17 agosto del 2020 invece ad agire fu solo il figlio, che entrò in un centro massaggi di Cassina Rizzardi per tentare di rapinare l’incasso, non riuscendo nel proprio intento e finendo con il colpire la donna al suo interno rinchiudendola poi nel negozio per impedirle di avvisare le forze dell’ordine. Tra le accuse ce n’è anche una curiosa: il furto di ortaggi (pomodori, melanzane, zucchine) avvenuto in un campo a Bulgarograsso lo scorso 12 settembre e scoperto grazie a delle foto trappole installate dalla proprietaria dell’orto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.