Gabrielloni e H’Maidat, conferme azzurre

incontro di calcio Como Lecco. Esultanza di Gabrielloni

Doppia conferma in casa del Como in vista della prossima stagione. All’annunciato prolungamento del contratto con la mezzapunta olandese-marocchino Ismail H’Maidat si è aggiunto quello dell’attaccante Alessandro Gabrielloni. Per H’Maidat la firma è fino al termine della stagione 2020-2021, mentre per Gabrielloni, nella foto, l’accordo vale fino al 2022.
«Sono molto contento di poter rimanere al Como» ha detto H’Maidat, che sa di dover riscattare un ultimo anno non particolarmente brillante. Su di lui le aspettative erano molto elevate: «Sicuramente – spiega – l’anno scorso le cose potevano andare meglio, però sento la fiducia di mister Marco Banchini, compagni e società. Sono stato fermo per un lungo periodo e riprendere il ritmo non è semplice; ora voglio solo lavorare per disputare un grande campionato».
«È davvero bello poter continuare il percorso insieme e adesso non vedo l’ora di poter tornare a giocare, il campo mi manca molto» sono invece le parole di Alessandro Gabrielloni, attaccante portato al Como in serie D dall’allora direttore Ninni Corda e che ha poi saputo ritagliarsi un ruolo da protagonista anche in C.
La società lariana è in attesa di annunciare la firma del contratto con Tommaso Arrigoni, il centrocampista 26enne che nell’ultimo campionato ha giocato con il Siena. La compagine toscana non si è iscritta alla serie C 2020-2021 e si attende che la burocrazia dia il nulla osta, vista la particolare situazione del club bianconero. Ma l’arrivo di Arrigoni agli ordini di mister Banchini è in ogni caso dato per scontato.
La squadra, intanto, è attesa dalla prima amichevole stagionale, che si dovrebbe disputare nel fine settimana sul campo di Borgomanero, la località piemontese che ospita gli allenamenti degli azzurri, che sono in ritiro ad Arona, sulle sponde del Lago Maggiore. Per ora non si conoscono orari ed avversario, visto che c’è l’oggettiva difficoltà a trovare un interlocutore in una fase di grande attenzione per i protocolli legati all’emergenza Coronavirus, con differenti regole tra formazioni di serie C e quelle di altre categorie.
M.Mos.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.