Gaddi contro l’archistar americana

CASO LIBESKIND
L’ex assessore alla Cultura di Como Sergio Gaddi prende una netta posizione contro il monumento di Daniel Libeskind. «L’architetto americano ha proposto ai comaschi – dice Gaddi – una progetto che è la fotocopia di quello proposto a San Pietroburgo, un gesto offensivo per tutti noi». Gaddi si dice poi «spaventato per la localizzazione e per le dimensioni dell’opera, alta come un palazzo di 5 piani. Il monumento, in sé, non mi dispiace – afferma il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Cernezzi – ma non in quel punto e con quell’impatto. Il panorama del lago ha già un’armonia definita dalla natura e non vedo come possa migliorarlo un elemento così invasivo. È il meraviglioso contesto del lago che dà valore aggiunto all’opera e non viceversa. Inoltre, siamo noi che dobbiamo decidere dove metterlo. Non altri».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.