Gasolio di contrabbando. Nei guai 62enne di Ronago

L’arresto è dei giorni scorsi, ma la notizia si è saputa solo nelle ultime ore grazie alla Rsi, la radio televisione della Svizzera italiana.
Tre uomini sono stati arrestati a Chiasso per contrabbando di gasolio rubato. E tra gli ammanettati, tutti italiani – anche se due sono residenti in Ticino – uno è residente nella nostra provincia.
Si tratta di un 62enne di Ronago. Secondo la tesi accusatoria (titolare dell’inchiesta è il procuratore pubblico Chiara Borelli) avrebbero importato

illegalmente il Italia del gasolio rubato. Sarebbero più di 700 i litri già sequestrati dalle forze di polizia elvetiche. Ma non è escluso che l’inchiesta possa essere solo all’inizio, e che dunque sia destinata ad allargarsi con ulteriori arresti.
A tal proposito sarebbe già stata informata dell’accaduto anche la guardia di finanza di Como che potrebbe dunque collaborare ora alle indagini su sponda italiana.
Perché è certo che la destinazione del gasolio fosse proprio la nostra provincia, dove poi sarebbe avvenuta la ricollocazione del combustibile sul mercato nero del Comasco.

M.Pv.

Nella foto:
Oltre 700 litri
Il comasco è stato arrestato a Chiasso in seguito ad una indagine condotta dai magistrati svizzeri. In manette anche altri due italiani residenti in Ticino. Sarebbero per il momento oltre 700 i litri di gasolio finiti nelle mani delle forze di polizia elvetiche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.