Sport

Momenti di gloria-Gentile e Zambrotta. Trionfi mondiali con la Nazionale

altI lariani hanno sollevato la Coppa in Spagna e in Germania
Quattro titoli mondiali e tanti atleti che hanno sollevato la Coppa e che in un modo o nell’altro sono stati legati a Como e al Calcio Como, come Marco Tardelli e Paolo Rossi, che hanno vestito la maglia azzurra, o Eraldo Monzeglio e Giampiero Marini, che l’hanno allenata.
Ma, a voler ben vedere, sono soltanto due quelli che possono essere considerati i comaschi che hanno avuto il privilegio di alzare la Coppa del Mondo, Claudio Gentile e Gianluca Zambrotta.
Particolare la storia di

Claudio Gentile, che ha vinto nel 1982 con l’ancora oggi amatissimo gruppo guidato da Enzo Bearzot.
Nato a Tripoli, in Libia, Claudio Gentile quando era bambino (aveva 8 anni) nel 1961 è fuggito con i genitori per ordine di Gheddafi ed è approdato a Brunate, paese d’origine della famiglia e dove poi è rimasto.
I suoi destini, prima da giocatore, poi da allenatore, non si sono mai incrociati con quelli del Calcio Como. La sua carriera è partita dal Maslianico, dove fu notato dal Varese. Poi il passaggio alla Juve fino a giungere alla Nazionale, con cui ha vinto il Mondiale nella indimenticabile notte dell’11 luglio 1982. La sera del presidente Sandro Pertini allo stadio Bernabeu di Madrid, la vittoria di un gruppo su cui nessuno, all’inizio dei Mondiali, avrebbe scommesso una lira. Ed è impossibile scordare, nel girone di qualificazione alle semifinali, l’arcigna marcatura di Gentile prima su Diego Armando Maradona, poi sul brasiliano Zico, con la storica immagine della maglietta verde-oro strappata.
Più recente, ma altrettanto indimenticabile, la vittoria dell’Italia a Germania 2006, con l’affermazione arrivata ai rigori nella finalissima contro la Francia.
Una squadra, quella azzurra, che aveva tra i suoi punti di riferimento il comasco Gianluca Zambrotta, prodotto del vivaio del Como, oggi allenatore del Chiasso, nella Challenge League elvetica.
A Como, in quel 2006, ci fu grande festa, con il pensiero a quel Gianluca Zambrotta che era stato un costante punto di riferimento sulla fascia sinistra nello scacchiere predisposto da Marcello Lippi. Doveroso ricordare una sua grande prestazione nell’affermazione con l’Ucraina (3-0), culminata con una rete e due preziosi assist in occasione dei gol di Toni.
L’azzurro, al rientro, fu festeggiato a Rebbio, dove aveva iniziato a giocare, a Carate Urio, dove risiedeva e in Comune a Como, con l’allora presidente del club azzurro, Enzo Angiuoni, che gli comunicò di averlo nominato presidente onorario della società, ruolo che Zambrotta ricopre tuttora.

Nella foto:
I due comaschi con la Coppa del Mondo conquistata in Spagna nel 1982 e in Germania nel 2006. A sinistra, il difensore azzurro Claudio Gentile; a destra, Gianluca Zambrotta festeggiato a Como
3 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto