Gestione di Villa Olmo, c’è una sola offerta. È la società romana già consulente del Comune

Villa Olmo

Bando per la gestione del compendio di Villa Olmo, ieri mattina in Comune sono state aperte le buste con le offerte. O meglio con l’offerta. Solo un soggetto infatti si è fatto avanti per lavorare al rilancio della dimora neoclassica, e si tratta della società romana Struttura srl, la stessa azienda che, nei mesi passati, ha lavorato al piano di gestione.
Adesso ovviamente si dovranno attendere i tempi tecnici per la verifica del rispetto di tutte le procedure e poi si potrà cominciare a lavorare guardando avanti e progettando il domani.
La strada tracciata dal Comune di Como negli scorsi mesi puntava a far coesistere pubblico e privato insieme per gestire la villa e il parco. Il percorso scelto dovrà infatti portare alla creazione di una fondazione di partecipazione, secondo il business plan individuato con l’apporto della società Struttura srl. «Attendiamo la comunicazione ufficiale da parte del Comune – spiega la project manager di Struttura Nina Però – prima di poter fare un commento». A parlare è invece l’assessore all’Urbanistica di Palazzo Cernezzi, Marco Butti. «In attesa delle necessarie verifiche siamo comunque felici per la chiusura di una tappa decisiva per il rilancio di Villa Olmo. Siamo inoltre in linea con i tempi previsti nonostante in tanti abbiano detto che eravamo in ritardo. Ma lo voglio sottolineare: il futuro di Villa Olmo è sempre stata una priorità di questa amministrazione». E il 2020 sarà «l’anno decisivo per creare la Fondazione di partecipazione e per accendere il motore. Passaggio fondamentale per mettersi subito al lavoro», aggiunge sempre Butti.
Come noto, in base al lavoro di pianificazione fatto già in passato tra Comune e Struttura, i bilanci della nuova gestione si dovrebbero con ogni probabilità chiudere in perdita per i primi 4 anni, per poi generare profitti a partire dal quinto anno.
Tra le priorità ci sarà naturalmente quella di riportare in Villa le grandi mostre. Uno degli appuntamenti da sempre tra i più attesi da parte dei comaschi che in passato hanno avuto anche un fortissimo impatto sul turismo in arrivo da ogni parte del mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.