Gestione esterna dei musei cittadini. Gaddi: «Ormai è strada obbligata»
Cronaca

Gestione esterna dei musei cittadini. Gaddi: «Ormai è strada obbligata»

Musei, un malato al cui capezzale il Comune di Como cerca di dare sollievo ipotizzando una gestione integrata con Villa Olmo.
La proposta è stata messa sul tappeto in una riunione di giunta del 5 luglio scorso a Palazzo Cernezzi, in cui a Struttura srl – la società romana incaricata dal Comune di individuare i miglior gestore per il futuro di Villa Olmo – è stato chiesto di immaginare uno scenario univoco per le collezioni civiche e la grande sede espositiva di via Cantoni.
Ma cosa ne pensano gli assessori alla Cultura di Como di ieri e di oggi? Da noi contattata al telefono, l’assessore al Turismo Simona Rossotti, titolare della delega alla Cultura da poche settimane (prima era del sindaco), è all’estero e risponderà nei prossimi giorni. Sergio Gaddi, artefice delle mostre di successo nelle giunte di centrodestra dal 2004 al 2012, ieri a Sapporo dove accompagna nel tour giapponese la mostra su Brueghel, il cui embrione nacque a Villa Olmo, è categorico: «In una città normale i musei andrebbero gestiti dal Comune, ma manca un dirigente ad hoc, fin da quando è andato in pensione Lanfredo Castelletti. Il Comune non puo abdicare alla funzione culturale, non ci sono solo i tombini in una città, specie se ha pretese di essere turistica. Ma mi rendo conto che in una situazione anormale come quella di Como non c’è alternativa a una gestione esterna. Su Villa Olmo poi Palazzo Cernezzi non ha alternativa: un tempo era una struttura produttiva sul fronte della cultura, ora dopo il declino avviato dall’era Lucini, l’unica strada è delegare a un gestore esterno».
Da parte sua è critico sulla prospettiva di una gestione unitaria di Villa Olmo e musei Luigi Cavadini, critico d’arte e successore di Gaddi con la giunta di centrosinistra del sindaco Mario Lucini: «Integrare musei e Villa Olmo può essere anche rischioso, significa capire bene cosa si vuole dalle due strutture. A Brescia si stanno facendo esperienze positive in questo senso, ma a Como serve comunque una “testa” a capo dei musei, che tuttora manca. Prima di consegnare la città alla giunta di centrodestra avevamo previsto un progetto per creare un direttore scientifico unico di musei e biblioteca nell’organico comunale, figura tuttora inesistente. È un obbligo di legge sia nazionale che regionale, non è evitabile».

27 luglio 2018

Info Autore

Lorenzo

Lorenzo Morandotti lmorandotti@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto